8 Maggio 2021

Giorno del Ricordo 2020 – quarta edizione

Salve carissimi lettori di latusanniae.com e bentornati a sfogliare le pagine virtuali del nostro sito ufficiale!
Oggi vogliamo parlarvi di un evento ormai giunto alla sua quarta edizione, il quale viene organizzato e migliorato di volta in volta dal 2017 e ci proponiamo di continuare a concretizzare per moltissimi anni.
Si tratta del “Giorno del Ricordo”, evento dedicato alle vittime dell’esodo Istriano, Giuliano e Dalmata ed ai Martiri delle Foibe.

Come consuetudine vuole, abbiamo coinvolto i nostri testimoni diretti dell’epoca, il Cav. Francesco Tromba ed il Sig. Veniero Venier ai quali inoltre, abbiamo consegnato le tessere di Latus Anniae rendendoli membri onorari del nostro progetto politico-sociale.
Dopo due edizioni nel capoluogo (Centro Polifunzionale 2017 ed Oratorio 2019) ed una a Latisanotta (sala parrocchiale 2018), stavolta la scelta è caduta molto volentieri sulla frazione di Pertegada, per portarvi la nostra proposta culturale itinerante.

Il Centro Sociale rinnovato nei locali, si presta ad una serie di attività a 360° e siamo davvero soddisfatti nel constatare quanto venga sfruttato e mantenuto in condizioni più che buone dalle associazioni alle quali lo stabile è stato affidato.
La disponibilità della Sig.ra Carla Poianella (Presidente dell’associazione culturale “Libro Libera Mente”) e del Sig. Luca Celeghin (Presidente dell’AVIS di Pertegada), sono due dettagli che vogliamo sottolineare pubblicamente.

Al pari della solerzia con la quale ha lavorato l’ufficio Affari Generali del Comune di Latisana per concederci l’utilizzo della sala, ovviamente senza dimenticare il patrocinio a firma dell’Assessora alla Cultura, istruzione e sport Avv. Daniela Lizzi, alla quale porgiamo un saluto cordiale.
Esaurite le dovute premesse ed i ringraziamenti di rito, possiamo descrivere quanto accaduto Domenica 9 Febbraio 2020 a Pertegada.

Unendo l’attrezzatura trovata in loco alla nostra, abbiamo potuto garantire una mostra di qualità al flusso di avventori che, durante l’arco dell’intera giornata, abbiamo quantificato in circa una cinquantina di persone escludendo ovviamente noi.
Un numero soddisfacente, vista la natura di un tema che ancora fatica a solleticare l’attenzione della cittadinanza.
Un argomento che noi come sempre trattiamo soltanto da un punto di vista culturale, super partes e scevro da qualsivoglia ideologia passata e presente.

Perché soltanto abbattendo il muro delle recriminazioni e dell’appartenenza politica, si potrà finalmente parlare di quanto accaduto all’epoca dei fatti, senza sentirsi etichettare dalle diverse fazioni.
I morti sono morti e meritano rispetto, memoria e l’impegno dei vivi nel mantenere accesa la fiamma del ricordo, affinché gli orrori del passato non tornino d’attualità.

Con il solito entusiasmo che ci contraddistingue, concedetecelo, abbiamo allestito una mostra carica non solo di fotografie e stampe, ma anche di oggetti (alcuni dell’epoca dei fatti), molti dei quali utilizzati per ricreare una sorta di “Magazzino 18” pieno di masserizie.
Il risultato è stato toccante, al punto da far commuovere il nostro “nonno adottivo”, un Cav. Francesco Tromba in grande spolvero nonostante le 86 primavere.

Il nostro ospite d’onore si è prestato al colloquio con i presenti, spiegando le illustrazioni come una vera guida museale ed inoltre, come sempre, ha regalato alcune copie del suo libro-testimonianza a chi è venuto a trovarci.

La mostra ha aperto i battenti alle 09:30 ed ha chiuso alle 19:00, quasi dieci ore di evento non-stop presidiato ogni singolo minuto dai membri della lista civica autonoma “Latus Anniae”, i quali hanno donato come sempre parte del proprio tempo libero molto volentieri alla collettività.

Abbiamo gradito il passaggio di alcuni esponenti di maggioranza e dell’opposizione locali e siamo contenti di aver ricevuto la visita di Don Rinaldo Gerussi, parroco di Pertegada e Gorgo, il quale è venuto a trovarci due volte ed ha anche garantito una buona “pubblicità” dell’evento tra i fedeli che guida da buon pastore.

L’anno prossimo riproporremo ovviamente il Giorno del Ricordo con sempre maggiori elementi da esporre e proporre alla collettività e nel frattempo stiamo lavorando ad un progetto parallelo ed inerente al tema…ma non vogliamo rovinarvi la sorpresa.

Grazie a chiunque sia passato a trovarci, a chi ha esposto le nostre locandine nella propria azienda e continuate a seguirci qui, su Facebook ed Instagram, perché ci attende un Marzo di grandi eventi dedicati alla salute (poi tutti saltati a causa della pandemia…ma questa parentesi non potevamo immaginarla)

Ad maiora!

IN FOTO (da destra a sinistra): Davide Straci, Federico Cardillo (vice-capogruppo), Elisabetta Perrotta, Gianluca Galasso (capogruppo), Maria Pernice, il Cav. Francesco Tromba e Cesare Ceretti.