5 Dicembre 2020

Ex-Scuola Primaria di Paludo: Come Volevasi Dimostrare?

Carissimi concittadini e followers di latusanniae.com è un piacere ritrovarvi a sfogliare le pagine virtuali del nostro sito totalmente rinnovato, per garantirvi un’esperienza di navigazione ottimale sia da dispositivo mobile che fisso.
La scorsa Domenica abbiamo appreso dalla stampa un’amara notizia: la vicenda relativa all’ex-Scuola Primaria di Paludo è giunta alla sua (in)naturale conclusione.
“Tutto come da previsione”, questo l’incipit dell’articolo pubblicato sul Messaggero Veneto, nel quale era incluso anche un breve virgolettato attribuito all’Assessore all’Istruzione e Cultura Daniela Lizzi.

A noi verrebbe da dire: come volevasi dimostrare!
Infatti, come vi avevamo annunciato nei precedenti articoli, l’unico soggetto che ha presentato istanza di partecipazione al bando, ovvero lo IAL FVG, è ora entrato nella disponibilità dell’immobile in qualità di conduttore.
Ebbene sì, il Comune di Latisana ha sottoscritto un contratto di locazione per quell’immobile, il cui canone annuale è stato convenuto nella somma di € 16.350.

Tuttavia, una larga parte della cittadinanza sperava si potesse giungere ad una conclusione diversa.
Sperava che quell’immobile potesse rimanere nella disponibilità dell’Amministrazione Comunale ed essere destinato alle finalità che vi abbiamo più volte ricordato (Centro Civico per anziani, riapertura del plesso scolastico al fine di alleggerire le classi elementari più numerose in tempi di Covid…).
Quindi no, non siamo d’accordo nell’affermare che tutto sia andato “come da previsione”.

Come se non bastasse, la vicenda sembra concludersi con un colpo di coda.
Sia nello schema del contratto di locazione, che negli svariati atti amministrativi depositati prima di esso, viene menzionata la possibilità per il conduttore (nel caso di specie, lo IAL FVG) di compensare le eventuali spese di ristrutturazione dell’immobile con i canoni di locazione, anche su più annualità e fino a totale copertura di queste.  

Ebbene, nell’articolo del Messaggero Veneto si afferma che il contratto prevedrebbe lo svolgimento di lavori “igienico-funzionali”, per spese complessive di € 80.000.
Tuttavia, di tali lavori non si fa menzione nello schema contrattuale depositato presso l’Albo Pretorio Comunale.

Facendo due conti, sorgono spontanee alcune domande, rivolte all’Amministrazione Comunale e, in particolare, all’Assessore Daniela Lizzi: dobbiamo forse intendere che, compensando i canoni di locazione con le suddette spese di ristrutturazione, lo IAL FVG non verserà alcuna somma di denaro al Comune di Latisana per i prossimi cinque anni?

Questi interventi “igienico-funzionali” serviranno forse ad adattare l’immobile alla sua nuova destinazione?

Quando il Comune di Latisana, tra dodici anni, potrà potenzialmente rientrare nella disponibilità dell’immobile, dovrà svolgere a sua volta dei lavori di ristrutturazione, qualora volesse destinarlo a finalità pubbliche?

Come forse ricorderete, questo contratto vincolerà l’Amministrazione Comunale per due interi mandati e solo a seguito della terza tornata elettorale (quella del 2031!) sarà possibile rimetterlo in discussione.

Queste le domande che sperano di trovare risposta, mentre lasciamo a voi ogni commento su una vicenda che, nel suo complesso, ci ha sempre visti opposti rispetto alle scelte compiute da questa Amministrazione, la quale, nonostante sia quasi giunta al termine del suo mandato, ha deciso di lasciarci in eredità questo pesante fardello.

Lodovico Conte

Lodovico Conte

Ruolo: DIRETTIVO DI LATUS ANNIAE
Nato a Latisana il 10 Luglio 1987, dove tuttora risiedo. Dopo aver conseguito la maturità scientifica presso il Liceo "Ettore Leonida Martin" di Latisana, mi sono iscritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Trieste, dove ho maturato una passione per le materie pubblicistiche (Diritto Costituzionale e amministrativo) e penalistiche. Ho quindi conseguito la Laurea in Giurisprudenza, discutendo una tesi in Diritto penale, avente ad oggetto il traffico di influenze illecite. Ho deciso di iscrivermi alla lista civica Latus Anniae perché credo nell'importanza della partecipazione attiva alla vita politica della nostra comunità. Attraverso la partecipazione tutti noi compiamo un passo verso un'amministrazione più efficace e trasparente.

View all posts by Lodovico Conte →